Presentazione

In linea progettuale, il Corso si inserisce nel percorso formativo dello studente che ha già maturato, attraverso la Laurea triennale, le competenze di base di un’area disciplinare che prevede anche discipline archeologiche e intende non soltanto specializzarle, ma più propriamente ampliarle, con l’apporto di approcci conoscitivi e di metodi di indagine diversi, in vista di un arricchimento dei propri orizzonti culturali e delle capacità individuali da applicare all’ingresso nel mondo del lavoro.
Sulla base di queste linee progettuali, il Corso offre un percorso articolato in due anni: il primo mira a fornire una solida base culturale sulle archeologie dell’area mediterranea ed europea, con una prospettiva mirata a formare lo studente sui temi dell’Archeologia Preistorica e Protostorica, sull’Archeologia Classica e sull’Archeologia Medievale, garantendo approfondimenti sulle discipline storiche, sulla legislazione nel settore archeologico e sulle metodologie (di archeologia del paesaggio, di scavo, di interpretazione dei contesti archeologici), anche applicate attraverso tecnologie archeometriche.
Il secondo anno prevede approfondimenti specifici fornendo allo studente ulteriori competenze storiche, archeologiche, informatiche e di musealizzazione e gestione del patrimonio archeologico. Nel secondo anno lo studente ha l’opportunità di approfondire l’esperienza sul campo, attraverso la partecipazione a scavi, progetti di ricerca sperimentali, stage e tirocini formativi, insieme all’acquisizione di competenze linguistiche e alla stesura di una prova finale, propedeutica al conseguimento del titolo di Laurea Magistrale.
Il Corso di Studio è presentato attraverso tre Piani di Studio consigliati, rispettivamente in Archeologia Preistorica, Archeologia Classica ed Archeologia Medievale, che si agganciano alla lunga tradizione archeologica senese, mantenendo sempre elevato l’interesse e la spinta ad approfondire i metodi della ricerca archeologica. Il Corso favorisce in ogni caso e aiuta lo studente nella confezione di percorsi di studio anche individuali, che rispondano ad esigenze specifiche di formazione.
Gli obiettivi specifici per i dottori magistrali in Archeologia possono essere così definiti in sintesi:
acquisizione di avanzate competenze disciplinari, metodologiche e operative nel settore dell’archeologia italiana, europea e del bacino del Mediterraneo (dalla Preistoria all’età Moderna), con conoscenza dei tradizionali strumenti di indagine e delle nuove tecnologie del settore;
acquisizione di solide competenze nell’utilizzo di fonti differenti, di natura archeologica, storica epigrafica e tecnica, nella ricostruzione del mondo antico;
acquisizione di specifiche competenze nei settori della legislazione applicata al patrimonio archeologico, alla conservazione, musealizzazione e gestione del patrimonio culturale;
acquisizione di specifiche competenze nell’impiego di tecnologie informatiche e strumenti di comunicazione telematica nei diversi e potenziali campi di applicazione al patrimonio archeologico;
acquisizione della capacità di usare in modo fluente, in forma scritta e orale, almeno un’altra lingua dell’Unione Europea oltre l’italiano e di poter leggere con piena comprensione testi scientifici di argomento archeologico in almeno una diversa lingua europea.